Medicina alternativa orientale ed indiana

La medicina alternativa orientale ed indiana si fonda su un insieme di diverse pratiche e prodotti officinali che non sono attualmente considerati parte della medicina convenzionale a tutti gli effetti. L’elenco delle pratiche e delle terapie farmacologiche che vengono considerate parte della medicina alternativa cambia continuamente, in quanto quelle che si sono dimostrate sicure ed efficaci sono state accettate come “mainstream”.

Oggi le pratiche che sono definite come medicina alternativa, in particolare quelle orientali ed indiane, possono essere raggruppate in cinque domini principali: sistemi medici alternativi, interventi mente-corpo, trattamenti a base biologica, metodi manipolativi, legati all’interazione corporea e terapie energetiche.

Come essere introdotti al mondo della medicina alternativa orientale ed indiana

Queste tecniche alternative sono basate su delle pratiche di guarigione risalenti ad alcuni millenni prima dell’anno 0 e sono presenti in molti paesi orientali, come ad esempio Cina, Corea, Giappone, India e Vietnam; ogni singolo popolo, nel corso dei secoli, ha dato vita a delle credenze comuni che hanno portato allo sviluppo delle proprie versioni uniche della medicina tradizionale, definite con il nome di medicina alternativa.

Questa viene generalmente classificata, insieme alla medicina complementare, sotto il termine: “medicina complementare e alternativa”, e si riferisce alle terapie che integrano la medicina tradizionale occidentale; tuttavia, in alcuni casi, più che essere un vero e proprio complemento, viene utilizzata al posto della medicina convenzionale.

La medicina alternativa si riferisce ad approcci terapeutici adottati in sostituzione della medicina tradizionale e usati per trattare la malattia o migliorare la qualità di vita delle persone ammalate.

Esempi di sistemi di guarigione di medicina alternativa includono l’Ayurveda, che ha avuto origine in India più di 5.000 anni fa, basata sulla teoria di una cura unica, da personalizzare seguendo le esigenze individuali, che incorpora trattamenti tra cui yoga, meditazione, massaggi, dieta ed erbe.

Un altro esempio è la medicina omeopatica, che sfrutta piccole dosi di sostanze che inducono il corpo a stimolare una risposta di auto-guarigione. Le medicine antiche includono pratiche cinesi, asiatiche, delle isole del Pacifico, degli Indiani d’America e tibetane.

Un altro esempio di medicina alternativa orientale è la più classica agopuntura, una tecnica estremamente interessante che, nel corso dei secoli, ha scritto pagine di storia della medicina orientale, specialmente quella cinese. La medicina convenzionale si basa su metodi che si dimostrano sicuri ed efficaci con studi e ricerche attentamente approfonditi e dimostrati, mentre molti trattamenti alternativi mancano di solidi principi di base su cui poter fondare un approccio metodologico, motivo per cui tali procedure alternative non sono sempre approvate dal mondo della medicina tradizionale.

La medicina alternativa orientale ed indiana è affidabile?

Recentemente, è emersa la necessità di sviluppare nuove prove scientifiche di supporto per la medicina ayurvedica contemporanea. Uno degli obiettivi della ricerca è una valutazione dell’affidabilità delle diagnosi e dei trattamenti. È una questione cruciale, per quanto concerne la classificazione, lo sviluppo della metodologia scientifica, la garanzia della qualità per la diagnosi e il trattamento e la conduzione degli studi clinici. Tuttavia, gli studi di affidabilità nell’Ayurveda e nelle terapie alternative orientali sono nella fase preliminare.

Dal punto di vista pratico, all’interno di questo breve articolo si intendono illustrare i concetti rilevanti di studi sull’affidabilità dei metodi diagnostici e le loro implicazioni nella pratica, nell’istruzione e nella formazione di professionisti esperti in questi ambiti della medicina moderna.

Secondo le stime future, il mondo scientifico intende effettuare, nel corso degli anni, una serie di controlli, studi ed approcci metodologici per valutare se i trattamenti ayurvedici possano o meno essere considerati una valida alternativa alla medicina tradizionale.

Questo breve riassunto sulla medicina alternativa, riferito in special modo a quella orientale ed indiana, intende fornire un riepilogo degli studi sull’affidabilità dell’esame medico comunemente usato nell’Ayurveda e in diverse medicine tradizionali dall’Asia un risultato comune è che i metodi diagnostici di tutte le medicine tradizionali si basano più sulla lettura, da parte dei medici, dei segni e dei sintomi presentati paziente che su dei risultati di laboratorio; dunque si può dire che nascano più come una forma di terapia del corpo e dello spirito, affini allo yoga o all’agopuntura, che ad un esame medico vero e proprio.

In conclusione, sebbene non sia ancora stata provata al 100% l’attendibilità scientifica di questo genere di trattamenti, in virtù ad un’analisi di tipo storico e diagnostico, si è arrivati a supporre che, a meno di essere smentiti dalle ultime ricerche in materia, queste forme di medicina alternativa, ossia quella orientale e quella indiana, possano essere delle scuole di pensiero che, se esercitate parallelamente alla medicina classica, potrebbero portare giovamento al paziente trattato secondo i loro principi.

Lascia un commento